Photographic Tools

In italian language, translation in progress

Visto che è una delle domande più ricorrenti vi lascio una descrizione del mio equipaggiamento con relative impressioni d’uso.

Contrariamente a quanto spesso raccontato (“la macchina non conta nulla , conta il fotografo ” ecc ecc ecc) in condizioni di scatto problematiche  a equipaggiamento fotografico migliore corrispondono foto migliori, a patto però chiaramente di saperlo sfruttare al meglio.

 

untitled-4380

Reflex
Dopo aver utilizzato per anni la gloriosa Canon 5Dmark2 sono passato con soddisfazione alla 6D, estremamente più performante in low light e dotata di strumenti ormai indispensabili come GPS e wi-fi per controllo remoto da smartphone

Protezione in silicone
La protezione marca Reporter che utilizzo su 6D ha una fattura nettamente migliore rispetto all’equivalente marca Camera Armour, leader in questa tipologia di prodotto, che utilizzavo su 5d2.
Indispendabile come protezione da pioggi, schizzi e sabbia, nonchè per proteggere il delicato display posteriore.
Una macchina ben protetta offre maggiori garazie di affidabilità , e se intonsa ha sempre maggiore appeal sul mercato dell’usato.

Tracolla
E’ l’accessorio più importante per produrre foto decenti : un fotografo stanco è un fotografo svogliato e dopo ore con al collo kg di tra reflex e lenti si diventa stanchi per forza, essendo umani.
Meglio contenere la fatica dunque con una tracolla in neoprene elasticizzata che evita di tagliarci il collo, ed è sprovvista dei soliti marchi appariscenti dei produttori di reflex che tanto attirano l’attenzione dei malintenzionati.
Questo modello è dotato anche di clip fastex che permettono di sganciarla al volo per eventualmente smontare il camera armour senza trafficare troppo con la tracolla.

foto (1)

Compatta di backup Fujii X10
Nonostante la qualità non eccelsa risulta uno strumento ottimo nei contesti in cui la reflex risulta troppo appariscente, specialmente grazie al suo utilissimo zoom manuale , al look retrò e alla serie infinita di comandi e controlli

Microcamera

Utile in alcuni contesti in cui è fondamentale essere ancora più invisibili, a discapito della qualità finale. 

untitled-4385

GoPro Hero3
Indistruttibile actioncamera per le condizioni più estreme . Con batterie aggiuntive,microsim in quantità industriale, controllabile tramite smartphone in wi-fi, testa panoramica rotante per timelapse.

 

 

 

 

 

untitled-4392

Smartphone o tablet
Vista la qualità foto e video dei dispositivi attuali possono essere considerati il “backup estremo”, oppure con apposite app e cavalletto come strumenti dedicati per il timelapse.
Indispensabili per visionare e catalogare le foto in wi-fi già sul campo.
Il tablet è dotato guscio in silicone rugged a protezione di acqua , sabbia e cadute accidentali mentre lo smartphone ha slave con batteria di backup. Utilissima la penna Wacom Stylus sensibile alla pressione e il multilettore di schede.     Tra le app indispensabili : MotionX gps, Starwalk, Location Scout, Photosynt, IguanaLapse, Gopro, Eos Remote,Snapseed, Lightmeter, Pdc, Evernote, Citymaps2Go, Photoshop Touch, Procreate, Photosmith, Hipstamatic, Peak ar, AcrossAir

untitled-4379Batterie

Non sono mai abbastanza, specialmente in contesti dove per giorni non vedrete una presa di corrente.  Le batterie vanno numerate e usate in progressione, facendole ruotare nella sequenza di utilizzo in modo che abbiano tutte identica vita utile residua.

Schede di memoria
Nonostante le compact flash siano più resistenti con la scusa della Canon 6D sono passato a schede SD Sandisk .
Più economiche ma ugualmente performanti rispetto alle CF, mi permettono di uniformare il formato di schede utilizzate sulla reflex e sulla compatta di backup.   Posso editarne i contenuti anche su ipad con un semplice adattatore che viene visto da ios senza hack software (jailbreak), sono numerate per identificare al volo le schede piene dalle vuote, contenute in appositi contenitori stagni dedicati.
Eterna diatriba : meglio     A) poche schede molto capienti   o   B) tante schede di piccolo taglio ?
Personalmente preferisco la soluzione   A) in quanto :
1) le schede anche SD sono molto affidabili, non ho mai perso una sola foto a causa di malfunzionamenti
2) il prezzo non ha andamento lineare rispetto alla capacità : una scheda da 32 gb costa sempre meno di due da 16
3) dovendo gestire molte schede aumentano le probabilità di perderne qualcuna
4) meno volte apro lo sportello scheda della reflex meno sabbia o umidità penetra all interno, e meno rischio di romperlo

Kit di pulizia
Indispensabile quanto sottovalutato : Inutile avere una bella lente se questa non è pulita con costanza.
Panni in microfibra, spazzola e liquido pulente sono essenziali, della pompetta si può fare a meno soffiando sopra alla macchina per togliere la sabbia.
Bastoncini con cotone sono indispensabili per pulire l’oculare del mirino, dove invitabilemente va ad accumularsi molta sporcizia.

Pacchetto sali
Una delle prime cose che si trovano (e buttano, nonn conoscendone l ‘ utilità) nella scatola del nuovo acquisto fotografico.
Indispensabile contro l’umidità

Filtro polarizzatore
In apposito portafiltro, da pulirsi dalla sabbia con la stessa regolarità del filtro stesso

Filtri ND
Marca inglese Hitech, ottimo compromesso tra qualità e prezzo senza scomodare i Lee, formato Cockin serie P
A meno di uscire con l’intenzione precisa di usarli per lunghe esposizioni finisco sempre per dimenticare di averli e anche per scatti difficili al tramonto ripiego su bracketing dell’esposizione.

Tappi di riserva
Nel caso debba smembrare temporaneamente il corpo dalla lente è bene che i due oggetti siano dotati delle rispettive protezioni nelle parti sensibili.
Utile inoltre portarsi sempre un tappo aggiuntivo per la lente, è uno degli oggetti che si perdono con maggior frequenza.

untitled-4384untitled-4382untitled-4383

 

 

 

 

 

 

Paraluce
Sempre montato, anche quando il sole non è presente. E’ la protezione più efficace per il vetro dell’ottica contro urti accidentali
Smontato diventa con un pco  d’inventiva un ottimo cavalletto creativo. 

untitled-4402Caricabatterie
Oltre al modello standard Canon utilizzo un caricabatterie universale Reporter che mi permette di caricare sia le batterie della 6D sia della X10, oltre alle AA ricaricabili.
E’ dotato di presa usb per caricare dispositivi compatibili, oltre a connessione accendisigari per utilizzo in auto e display per controllo della ricarica.    Un caricabatterie di backup risulta sempre utile in quanto la rete elettrica di certi contesti non è per nulla affidabile e si presta a continui sbalzi di tensione : avere il caricabatterie fulminato equivale a non poter più scattare prima o poi.

untitled-4387GPS tracker
Sistema GPS dalle limitate potenzialità, utile per segnare una traccia dei nostri spostamenti e con questa geotaggare le foto.
Nonostante con la 6D questo strumento possa sembrare anacronistico, può rivelarsi ancora utile quando non voglio sprecare troppa batteria della reflex tenendo attivo il gps integrato.

 

 

untitled-4395Sacchetti plastica
Sono la tropicalizzazione più efficace ed offrono maggiori garanzie di impermeabilità sotto pioggia battente rispetto ad una costosissima reflex certificata, il tutto per pochi euro al supermercato.

 

 

 

 

 

 

 

untitled-4394Minitool
Indispensabile per smontare/rimontare la reflex sul campo ( a chi non è mai capitato almeno una volta? magari dopo un minuzioso controllo di sicurezza in un aeroporto israeliano.. ), estrarre schede da alloggiamento otturato, stringere viti del cavalletto ecc

Microtorcia a dinamo
Utile per cambiare batterie, SD ecc anche in piena oscurità, oppure per lightpainting improvvisati. 


untitled-4396Bandana elasticizzata

Indispensabile come protezione aggiuntiva della lente, serve per ammortizzarla quando la si appoggia ai finestrini dei mezzi durante i gamedrive o scatti in movimento.
Molto utle anche per dissimulare l’aspetto della lente in contesti difficili, dove qualsiasi scippatore sa che lente bianca = dispositivo costoso. 

 

Cavalletto
Il cavalletto non è uno strumento che utilizzo spesso, ma per certe applicazioni come lunghe esposizioni, fotografia notturna o timelapses è indispensabile.
A seconda delle necessità :

Manfrotto 190DB
Leggero, economico ma resistente tuttofare dell’azienda leader nel mondo.
Per utilizzo video vive accoppiato alla testa fluida manfrotto HDV501

Minicavalletto
Senza marca, cinese ma efficiente. Robusto, compatto ma estensibile permette di montare la testa a sfera Manfrotto 486rc2 e regge tranquillamente la reflex con 24-104
Ottimo da portare sempre nello zaino per uscite anche giornaliere, non è trasportabile nel bagaglio a mano in quanto classificabile come arma impropria ( a discrezione dei controlli sicurezza )

Gorillapod XL
Tuttofare economico ma flessibile (in tutti i sensi)
Può essere portato senza problemi nel bagaglio a mano, regge con qualche difficoltà la reflex con 24-105mm , senza problemi con il 40mm

untitled-4389untitled-4388

 

 

 

 

 

  

untitled-4386

Polaroid  PoGO

Stampante su carta Izink  ultraportatile, produce piccole stampe di discreta qualità su supporto adesivo che , in paesi poveri, potrebbero fare la gioia assoluta di chi una sua foto non la potrà mai avere.
Unico difetto l’autonomia scarsissima e il caricabatterie grande due volte il dispositivo stesso, il che la rende scarsamente utilizzabile in contesto di viaggio. 

 

 

 

 

untitled-4381Lenti
Il mantra è ” Lighter is better ” : più leggero sei meglio stai.
Non sono un patito di lenti fisse , per viaggiare leggero preferisco zoom anche estremi.

Canon 24-105L f4
Zoom perfetto per il reportage : tropicalizzato , stabilizzato, leggero, resistente e luminoso.
E’ la mia lente tuttofare prediletta in contesti dove si riesce a stare molto vicino al soggetto : scattando per la maggior parte a 24mm il 105 mm lo considero già un superzoom.
Grazie all’ottima resa ad alti iso di 5D e 6D f4 è già un’apertura più che soddisfacente, senza la necessità di passare ad una (più pesante) lente f2.8

Canon 28-300L f3.5-5.6
Gli zoom estremi 28-300 di solito sono piccoli, leggeri, economici e di bassa qualità di resa.
Al contrario questo Canon è di serie L(uxury) quindi risulta estremamente ingombrante,pesante, costoso ma dalla qualità di resa ottima.
Robusto e stabilizzato con il suo range estremo di focali viene utilizzato in africa in alternativa al 24-105 per spaziare in un’attimo dal paesaggio al closeup su animali, senza la necessità di cambiare lente al volo e riducendo così drasticamente l’entrata di polvere sul sensore e rotture accidentali.

Canon 40mm f2.8
Ottima lente di tipo “pancake”, è spessa solo un paio di centimetri quindi viene sempre portata come backup estremo nel caso la lente principale soffra di irrimediabili problemi.
Viene montata sempre in contesti difficili (es mercati, interni) dove è richiesto un basso profilo e una lente come il 28-300 risulterebbe troppo appariscente.

Zeiss 35mm f2.4
Lente vintage con adattatore EF, grazie ai controlli di fuoco e diaframma completamente manuali viene utilizzata solo per video o timelapse.

 

Borsa
A ogni necessità corrisponde un contenitore adatto, la marca rimane però la stessa : LowePro

untitled-4400untitled-4401

 

Primus AW100
Eccellente zaino ormai , inspiegabilmente, fuori produzione.
E’ diviso in due comparti, superiore ad uso generale e inferiore specificatamente fotografico, con pannelli morbidi riconfigurabili che possono ospitare reflex con montato 28-300, compatta o reflex di backup, sacchetto accessori, GoPro, 40mm.
Esternamente è dotato di pannello in cui inserire abbigliamento o tablet, cinghie con fastex varie per tutte le necessità e customizzazioni.
La peculiarità sta nel fatto che le cerniere di apertura dei vani sono disposti sullo schienale, quindi non possono essere aperte a meno di togliersi di dosso lo zaino, cosa eccellente come antitaccheggio in ambienti difficili con molta gente pigiata e scippatori in agguato (es. mercati)
Robusto, bilanciato e indistruttibile è dotato anche di mantellina di protezione impermeabile a scomparsa.
Inutile chiederlo : non lo venderò MAI

untitled-4399Slingshot 100
Classica borsa monospalla perfetta per uscite in bicicletta, adatta su misura al trasporto di reflex con 24-105 installato, più pochi accessori e utility varie (telefono, wallet ecc)
Mantella di protezione impermeabile a scomparsa

 

 

untitled-4398

 

Passport Sling
Borsa tuttofare che dissimula totalmente l’aspetto fotografico, permettendo di mantenere un basso profilo.
Contiene agevolmente reflex con 24-105, sacchetto accesori, compatta di backup, 40mm , ipad3 e permette di estenderne la capienza slacciando una cerniera aumentando del 30% il volume a disposizione.
La parte interna morbida contenente la reflex può essere agevolmente distaccata, per essere riposta in altra tipologia di borsa (zaino daypack) o per pulizia.
Tasche esterne per borraccia o accessori
Unico neo le cerniere, non dotate di anello robusto adatto al montaggio di lucchetto antitaccheggio, e la tracolla sprovvista di fastex per sgancio rapido.

untitled-4397Toploader tipo AW75
Indispensabile per il trasporto in sicurezza di reflex in accoppiata con 28-300.
E’ dotato di spazio a sufficienza per disporre tuti i vari accessori (batterie, schede, filtri, kit pulizia) , oltre che poche utility personali.
Il modello correntemente in vendita è di qualità inferiore a questo in quanto la tasca porta accessori superiore risulta con apertura posta all’esterno della cerniera principale, cosa molto pericolosa in ottica antitaccheggio.